Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Terzetto aquilotto a Mannheim: Conti, Erik Czumbel e Ladurner al prestigioso torneo U18 per nazionali

Pubblicato in Giovanili il Venerdì 30 Marzo 2018, 16:30

I tre giovani della Dolomiti Energia Trentino Under 18 nel roster dei 12 azzurri convocati da coach Capobianco per il torneo di Mannheim, una sorta di "mondiale" di categoria in cui se la vedranno con nazionali del calibro di Cina, Francia e USA

Luca Conti, Erik Czumbel, Maximilian Ladurner: sono i nomi dei tre ragazzi della Dolomiti Energia Trentino Under 18 allenata da coach Alessio Marchini che dopo i cinque giorni di allenamento con il gruppo della Nazionale italiana di categoria a Roma sono stati selezionati da coach Capobianco per far parte dei 12 ragazzi che prederanno parte, a partire da domani, al Albert Schweitzer Tournament 2018 di Mannheim, la manifestazione giovanile per Nazionali più importante al mondo per la categoria Under 18. Luca Conti, ala classe 2000, è cestisticamente nato e cresciuto nelle giovanili dell'Aquila Basket mentre Erik Czumbel, play mancino, e Max Ladurner, centro di 206 centimetri di altezza, sono arrivati in bianconero rispettivamente da XXL Pescantina e Maia Merano, due club che fanno parte del progetto territoriale della Dolomiti Energia Basketball Academy di cui Alessio Marchini è direttore tecnico.

ALESSIO MARCHINI (Direttore Tecnico DOLOMITI ENERGIA BASKETBALL ACADEMY): "Sicuramente questa triplice convocazione è una grandissima soddisfazione, per il club, per me e tutto lo staff oltre che per l'intero settore giovanile e per la Academy: per certi versi ancora più della Finale Scudetto Under 18 dell'anno scorso testimonia il fatto che siamo focalizzati sulla crescita tecnica e umana individuale dei giovani. Avere Luca, Erik e Max nei 12 Azzurri a Mannheim è un risultato incredibile: in primo luogo per i tre ragazzi, hanno lavorato tanto e se lo meritano; e anche per il club, perché si tratta di tre giocatori e di tre persone con caratteri, qualità tecniche e provenienze differenti, e questo testimonia ancora di più l'attenzione che mettiamo come società e come staff allo sviluppo dei singoli. Detto questo, prendiamo questa fantastica notizia come un punto di partenza e non di arrivo: dev'essere una spinta per continuare così, anzi per investire ancora più energia e lavoro e per migliorare il nostro metodo di lavoro. Non è scontato che un club che ha risultati così importanti con la prima squadra riesca a crescere anche nella qualità della propria struttura giovanile, e tutto questo accresce ancora di più il valore del sistema complessivo".

Luca, Erik e Max, assieme agli altri Azzurrini, nei prossimi giorni se la vedranno con Cina, Egitto, Stati Uniti, Russia e Francia prima della fase finale del torneo, che si chiuderà con le finali del 7 aprile, e lo faranno di fronte ai tanti talent scout NBA e addetti ai lavori di tutto il mondo che assisteranno alla manifestazione.

Di seguito il comunicato ufficiale della FIP: http://www.fip.it/news.aspx?IDNews=10969