Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Dolomiti Energia, gara-6 amara: Milano chiude i conti, 4-2 nella serie

Pubblicato in Lega Basket il Venerdì 15 Giugno 2018, 22:45

I bianconeri inseguono per tutta la partita, i bombardieri dell’EA7 segnano 18 triple (su 35 tentate) e vincono in una BLM Group Arena stracolma: all’Aquila non bastano i 15 punti di Sutton e i 14 a testa di Shields e capitan Forray

La Dolomiti Energia Trentino chiude la propria stagione 2017-18 in gara-6 di Finale Scudetto: Milano vince 71-96 e mette le mani sul 28° tricolore della propria storia vincendo per 4-2. L’Aquila non regge la forza d’urto delle bocche da fuoco milanesi (18/35 da tre per l’EA7) e non riesce ad allungare la serie alla settima partita nonostante un Forray da 14 punti e 6 rimbalzi, uno Shields da 14 punti e un Sutton da 15 con 5 rimbalzi. I bianconeri chiudono per il secondo anno di fila da vicecampioni d’Italia e chiudono l’anno sportivo sotto gli applausi scroscianti del proprio incandescente pubblico.

La cronaca del match. Il primo tempo di gara-6 vede Milano subito più in palla, specialmente nella propria metà campo offensiva: le triple di Goudelock e Micov scandiscono il ritmo del primo allungo dell’EA7 (2-10), ma Trento c’è e risponde con la tripla di Forray e i punti di Sutton e Shields (15-12). La panchina dell’EA7 però continua ad assicurare a coach Pianigiani produzione offensiva: Jerrells e un ottimo Gudaitis prendono per mano le scarpette rosse, che a cavallo tra la fine del primo e l’inizio del secondo quarto inseriscono il turbo volando a +19. L’Aquila stenta a trovare ritmo in attacco ed è sotto nella lotta a rimbalzo, ma trova nel solito Shields (12 alla pausa lunga) l’anima del minibreak che riporta a meno 13 i bianconeri prima dei liberi di Bertans che scrivono 33-48 sui tabelloni della BLM Group Arena.

L’Aquila reagisce con un terzo quarto in cui il livello di intensità ed energia si alza ulteriormente: Forray e Shields sono i realizzatori, Hogue e Sutton gli “uomini ombra” che assicurano rimbalzi e ritmo. Gutiérrez segna da 3 punti per il meno 7 (50-57), l’EA7 si trincera dietro la linea dei 6.75 ma da lì comincia a colpire con clamorosa continuità. Il 7/9 dall’arco dei milanesi nell’ultimo quarto spegne sul nascere i tentativi della Dolomiti Energia di rimanere "viva": Scudetto a Milano nella cornice di una BLM Group Arena da brividi.