«Per vincere a Bologna servono 40' di energia e concentrazione»

Pubblicato in Dolomiti Energia Trentino il Venerdì 6 Dicembre 2019, 12:30


Pompea Fortitudo Bologna (6-4) vs. Dolomiti Energia Trentino (5-5)

12a giornata Serie A LBA | PalaDozza | sab 07.12 | h 20.30 | Eurosport Player

Game Notes (.pdf) | Kinesi Injury Report

Non vuoi perderti nemmeno un appuntamento della Dolomiti Energia Trentino? Sincronizza il tuo calendario per rimanere sempre aggiornato su date e orari delle partite!


RASHARD KELLY (Ala DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Stiamo migliorando giorno dopo giorno, come squadra e come singoli: ho e abbiamo attraversato momenti di difficoltà, ma nella vita ho imparato che le difficoltà vanno affrontate, i limiti superati. Quindi la mentalità dev’essere quella di entrare in campo e tutti i giorni in palestra con la voglia di combattere e fare ogni giorno meglio del precedente. La partita contro Brindisi ha dimostrato che siamo una squadra e che quando giochiamo con la giusta mentalità possiamo battere chiunque: ora ci aspetta un test importante su un campo caldissimo come quello della Fortitudo, una squadra che punta alla Final Eight di Coppa Italia e che in casa ha battuto squadre di alta classifica. Dobbiamo essere fisici, ma anche concentrati e concreti nel gestire i vari momenti della partita».

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Quella di domani sera a Bologna è una partita affascinante, perché giochiamo contro una squadra con grande storia su un campo che ti dà grandi stimoli e grande carica. Al di là dell’aspetto ambientale, i nostri sono avversari di grande conoscenza del gioco e di ottimo valore, che da tanti anni sono protagonisti in Serie A e che sanno cosa occorra per vincere a questo livello. Aradori è un grande realizzatore e in casa trascina pubblico e squadra, con Leunen ho avuto la fortuna di a lavorare tanti anni a Cantù ed è un giocatore determinante in tanti modi diversi. La lista sarebbe ancora lunga, non per caso la Fortitudo in casa ha battuto Venezia e Milano. Sono contento di come i ragazzi abbiano approcciato questa settimana di lavoro, sappiamo che ci aspetta una partita in cui l’energia sarà fondamentale. Aaron Craft? Valuteremo come reagirà ai carichi di lavoro di oggi e domani per poi eventualmente provare a metterlo in campo. Al di là che sia o meno della partita, ci tengo a ringraziare tutto lo staff medico e atletico al completo, e oltre ai “nostri” della prima squadra metto dentro anche Matteo Tovazzi, preparatore fisico del settore giovanile: hanno fatto un lavoro straordinario e nel giro di pochissimi giorni ci hanno dato la possibilità di pensare di rimetterlo in gioco. Merito di Aaron che ha lavorato tanto ma anche grande merito loro».