NextGen Cup, è semifinale! Pesaro battuta dopo un supplementare

Pubblicato in Dolomiti Energia Trentino il Venerdì 14 Febbraio 2020, 16:00

Partita pazzesca: i bianconeri prima sono costretti all’overtime dai padroni di casa, poi riescono a mantenere a loro favore la differenza punti nel doppio confronto. Domani alle 15.00 la semifinale

PESAROLa Dolomiti Energia Trentino Under 18 soffre, rischia di cedere e poi conquista in volata l’accesso alle semifinali di NextGen Cup: la VL Pesaro dopo 40’ di battaglia è avanti di 11 ribaltando con lo stesso margine la sconfitta dell’andata, così il quarto di finale si decide al tempo supplementare.

I bianconeri a quel punto sono bravi a mantenere i nervi saldi e vincono di 4 il doppio confronto (52-59 il punteggio): decisivo un rimbalzo in attacco trasformato in due punti da Sadio Traore nel finale concitato. Continua così il cammino della Dolomiti Energia Trentino nella competizione di cui è campione uscente: domani alle 15.00 nel campo principale della Vitrifrigo Arena la sfida contro la vincente fra Cantù e Reggio Emilia metterà in palio l’accesso alla finalissima di domenica.


TEAM LEADERS

Trento / Pesaro

Punti: Picarelli-Voltolini 12 / Alessandrini 20

Rimbalzi: Jovanovic 17 / Alessandrini 10

Assist: Picarelli 6 / Pellicano 2

Recuperi: Voltolini 4 / Calbini 4

Più statistiche


La cronaca. Pesaro apre il match con un 5-0, ma i bianconeri rispondono presente con un paio di belle iniziative di Traore e con l’impatto sui due lati del campo di Ladurner: i punti di Jovanovic e Picarelli tengono avanti Trento dopo 10’ di basso ritmo ma di grande equilibrio (13-12).

Dopo un bel gioco da tre punti di Voltolini i padroni di casa tornano a far male a centro area con Alessandrini e Konteh (16-17 e timeout speso da coach Albanesi): una tripla di Picarelli prova a far riprendere l’inerzia ai bianconeri (27-23), con tiri liberi e carattere però la VL resta in scia arrivando all’intervallo lungo.

Alessandrini e Calbini guidano l’assalto pesarese che porta i marchigiani a +11 alla fine del terzo quarto, rimettendo tutto in perfetta parità considerando il successo dell’Aquila all’andata: Boglio segna una gran tripla ad inizio quarto periodo che sblocca l’attacco trentino, ma Pesaro continua a macinare la sua pallacanestro di intensità e carattere e passa in vantaggio nel doppio confronto sul 41-53 a cinque minuti e mezzo dalla fine. Si procede senza canestri e senza acuti da una parte e dall’altra fino al termine in un clima infuocato: Pesaro sbaglia il tiro della vittoria, nel supplementare la spuntano i bianconeri.